Il ddl in tema di Educazione Civica va emendato!

IL DDL UNIFICATO IN TEMA DI EDUCAZIONE CIVICA (S 1264) E’ FINITO SOTTO LA LENTE DELLA COMMISSIONE AFFARI COSTITUZIONALI DEL SENATO. OSSERVAZIONI

 

 

Il testo del disegno di legge approvato dalla Camera dei deputati, risultante dall’unificazione dei disegni di legge d’iniziativa di tanti deputati, è passato al vaglio della Commissione Affari Costituzionali di Palazzo Madama.

Dal resoconto della seduta del 9 luglio scorso la 1^ Commissione del Senato non ha espresso parere ostativo alla sua approvazione in Aula, tuttavia ha espresso alcune osservazioni molto importanti che, a parere di Ezio Sina, Presidente di APIDGE, l’Associazione professionale degli insegnanti di Scienze giuridiche ed economiche, “fanno emergere come il documento in oggetto abbia dato troppo margine di azione all’autonomia delle Istituzioni scolastiche e non si preoccupi sufficientemente del profilo didattico, segnatamente delle competenze specifiche di chi è chiamato ad insegnare la nuova disciplina”.

Le osservazioni, espresse dal Relatore Stefano Borghesi (Lega, in fotografia), riguardano i seguenti punti:

– agli articoli 2, commi 5 e 6, 3, comma 1 e 4, comma 1 si valuti l’opportunità di sostituire l’espressione “insegnamento dell’educazione civica” con la locuzione completa “insegnamento trasversale dell’educazione civica”, al fine di uniformare la formulazione del testo;

all’articolo 2, comma 4, sarebbe opportuno prevedere a chi è affidato l’insegnamento dell’educazione civica nel secondo ciclo di istruzione, nell’ipotesi in cui nell’organico dell’autonomia non vi siano docenti abilitati all’insegnamento delle discipline giuridiche ed economiche;

– all’articolo 3, comma 1, si invita a indicare un termine per l’adozione del decreto ministeriale per la definizione delle linee guida per l’insegnamento dell’educazione civica.

 

 

APIDGE invita dunque i membri della 7^ Commissione permanente del Senato a considerare l’ipotesi di emendare il documento, assegnando l’insegnamento dell’Educazione Civica ai docenti di Discipline giuridiche ed economiche in tutti i percorsi scolastici del Secondo ciclo.

Una soluzione consona e coerente al dettato costituzionale che prevede una scuola aperta a tutti, attribuendo a tutti indistintamente gli studenti, le stesse opportunità formative (art.34 Cost).

 

il testo del documento:

 

******

Precedente “Non parlo di cose che non conosco” Successivo Legalità a scuola: il Ministro sceglie i giovani avvocati!