Da AlmaDiploma 2018

Il 13 dicembre, nella Sala “Aldo Moro” del MIUR abbiamo preso parte al “XVI Convegno Nazionale AlmaDiploma”, nel corso del quale è stato anche presentato il Rapporto di profilazione dei neodiplomati 2018.

 

L’Indagine rileva le caratteristiche di studio, i giudizi sul proprio percorso scolastico e le prospettive di oltre 46 mila studenti diplomati a luglio 2018 di 292 Istituti scolastici.

A seguito dei recenti processi di innovazione normativa in tema di Istruzione, si mira a inserire come insegnamento curricolare “Cittadinanza e Costituzione”, sin dalla scuola dell’infanzia. L’insegnamento Cittadinanza e Costituzione, così come si svolge ora, raccoglie gli obiettivi e le conoscenze una volta compresi nell’Educazione Civica e ha l’obiettivo di costruire più ampie competenze di cittadinanza.

Nell’Indagine 2018 AlmaDiploma, su espressa richiesta di Apidge, ha rilevato per la prima volta quanti diplomati hanno trattato gli argomenti di Cittadinanza e Costituzione e, tra loro, la quota di chi li ha ritenuti utili per la propria vita quotidiana e l’eventuale prosecuzione degli studi. Gli argomenti più trattati tra i diplomati di scuola secondaria di II grado riguardano la Costituzione Italiana (affrontata dall’80,2% dei diplomati), il tema dei diritti umani (79,3%) e dell’educazione alla legalità (78,0%).

La soddisfazione per l’utilità di questi temi tra coloro che li hanno affrontati è generalmente elevata: l’utilità percepita dai diplomati per ciascun argomento è maggiore tra i professionali e i tecnici rispetto ai liceali con differenziali di gradimento che vanno dai 2 ai 15 punti percentuali.

Molto più facile dunque, per chi studia curricolarmente il Diritto, conoscere e affrontare queste tematiche; per quanti non hanno avuto il Diritto tra le materie curricolari, si tratta invece di un’opportunità di apprendimento mancata.

 

 

 

Contributo video: https://www.youtube.com/watch?v=5cymAsOgVFk&t=8s

 

Ulteriori info su https://www.almadiploma.it/

 

Precedente Educazione civica tornerà obbligatoria nelle scuole. Successivo I NOSTRI AUGURI PER LE FESTIVITA' ED IL NUOVO ANNO