Chi Siamo

apidge-DEF-a-.jpg

 

cropped-apidge-immagine-4.jpg

L’Associazione è nata per essere un interlocutore propositivo e critico per tutti quegli aspetti e le problematiche che riguardano i docenti di queste discipline.
A tal fine intende promuovere, con innovazioni didattiche e metodologiche, la conoscenza dei percorsi professionalizzanti presenti nell’offerta formativa delle Istituzioni scolastiche italiane ed europee.

In questa prospettiva l’Associazione si propone di:

a) promuovere ogni tipo di azione finalizzata al riconoscimento della specificità delle Discipline Diritto ed Economia Politica nell’Istruzione e nella Formazione Professionale in Italia e nell’Unione Europea e alla valorizzazione della professionalità dei docenti;

b) promuovere con attività di formazione e di aggiornamento professionale, seminari di studio e convegni, le competenze accademiche, didattiche e pedagogiche dei docenti specialistici, che devono essere considerati gli esclusivi protagonisti dell’insegnamento del Diritto, dell’Economia Politica e di Cittadinanza e Costituzione;

c) proporre il riconoscimento giuridico di uno specifico Albo professionale dei docenti di Scienze Giuridiche ed Economiche;

d) predisporre un codice di deontologia professionale specificamente dedicato, anche per far sì che gli Enti e le associazioni impegnati in attività di formazione professionale possano dotarsi di docenti specialisti iscritti all’Albo.

Il presidente
f.to prof. Ezio Sina

2 risposte a Chi Siamo

  1. Buon giorno , mi trovo d’accordo prima di tutto sul fatto che ,almeno nella secondaria sup., la Costituzione debba essere insegnata da docenti abilitati nella A019, anche perchè così prevede una disposizione ministeriale in applicazione dei DPR 87 ed 88/2010

  2. Luigi scrive:

    Buonasera, sono un insegnante di diritto ed economia inserito in 3a fascia nelle graduatorie d’istituto per le scuole superiori. Martedì prossimo in sede referente presso la commissione cultura del senato verranno discussi i ddl 2256 e 2604 che prevedono l’obbligatorietà dell’insegnamento della Costituzione in tutte le scuole di ogni ordine e grado. Transeat per le 4 ore mensile (quindi appena un’ora settimanale), come l’ora di religione (sic!). Ma quello che è grave è che l’insegnamento, nelle scuole primarie e secondarie di primo grado venga affidato a professori “adeguatamente formati”. Che significa? Non sarebbe meglio affidare gli incarichi di insegnamento di questa materia affascinante, ma anche importante, perché riguarda la base della nostra convivenza sociale e civile, a coloro che hanno studiato la Costituzione e che hanno una preparazione universitaria (e non corsi finanziati dal FSE!!!) sull’ordinamento giuridico, piuttosto che a docenti di lettere che questa preparazione non hanno, ma hanno affrontato un altro e assolutamente differente percorso di studi?
    Se ricordo come ai miei tempi la mia professoressa di italiano e storia affrontava la materia dell’educazione civica (materia relegata ad essere una cenerentola) mi vengono i brividi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*